Apprendista stregone: la vendetta

Il bimensile ticinese L’Inchiesta è localmente famoso per i suoi servizi alla Gabibbo. Nel primo numero del 2006 hanno preso un PC, staccato il connettore interno che collega il pulsante d’avvio all’alimentazione, e l’hanno portato a quattordici negozi di informatica del Cantone Ticino dicendo solo “Non si accende più, me lo può riparare?”, con questi risultati:

  • Il guasto è stato risolto solo da sei negozi su quattordici, con costi variabili da 0 (un negozio: Leonardo Giannini di Minusio) a 80 Franchi (due negozi: APC-Pro e Studio Informatica 3000).
  • Sette riparatori hanno affermato che era saltata l’alimentazione e che il guasto non era riparabile perché il PC era troppo vecchio: hanno proposto l’acquisto di un PC nuovo.
  • Dei sette che non hanno riparato, quattro si sono fatti pagare lo stesso, da 30 a 50 CHF.
  • Uno (Computer World di Muralto) ha chiesto 60 CHF anticipati solo per fare il preventivo, e poi 98 CHF per esaminare il PC (il guasto non è stato trovato).

Ancora una volta, il digital divide.