RomeCamp

A Roma avevo scelto l’Hotel Abitart, molto trendy, ma quando ho telefonato mi hanno chiesto 140 Euro contro i 120 Euro quotati sul web: “Eh, ma solo i prezzi del 2006”. Ho disdetto non per i 20 Euro di differenza, ma perché trascurano il loro sito.

In compenso l’Hotel Derby è più vicino al Linux Club e posso andare e venire a piedi, i prezzi del sito corrispondono ai prezzi effettivi, c’è internet a 5 Euro al giorno, costa meno e accettano i cani (su internet, nessuno sa che 🙂

E quindi ho scelto loro. Added bonus: sono alla Garbatella! Mitico quartiere romano di cui ho letto molto.

Parto da Como in macchina venerdì mattina in modo da non viaggiare al buio, e riparto da Roma domenica mattina. Se qualcuno è di strada e vuole un passaggio (Milano Bologna Firenze e dintorni) non ha che da farmi un fischio, sia all’andata che al ritorno.

Questa volta non ho presentazioni, ma ne ho viste molte che saranno senz’altro interessanti.

Sono disponibile per cena venerdì sera e sabato sera, domani studio chi ha organizzato cosa dove.

Ci sarà da divertirsi, ci vediamo lì.

Tags:

Nuove applicazioni noiose

Oggi ho giocato con due nuove web applications ancora in beta: scrybe e joost: scrybe è un calendaio online, joost è una televisione p2p.

Tutto molto bello, molto interattivo, molto ajax, ma la prima domanda che oggi mi pongo davanti a simili giochini è un’altra: dov’è la parte sociale? Posso condividere? Posso permalinkare? Posso commentare?

Quando la risposta è “no” (oppure “non ancora”), come nel caso di iscrybe e joost, il giochino viene a noia in due minuti.

Tags: ,

Cos’è un blog

Il problema semmai è sapere “chi è un blogger”; ma se non sai cos’è un blog, fai prima tu ad aprirne uno che non io a spiegartelo. Oppure chiedi a tuo figlio.

Oppure al New York Times:

For those of you who don’t have a blog yet, think of one as a large yellow Labrador: friendly, fun, not all that bright, but constantly demanding your attention.

(David Carr, The New York Times)

Odi et amo

Odi et amo

Stimolato da David, mi chiedo anch’io: l’amore prevale sull’odio?

Per rispondere a questa domanda ho interrogato Google (solo pagine in italiano) e ho constatato quanto segue:

amore

343.000 hits

odio

50.300 hits

buono

132.000 hits

cattivo

59.700 hits

ma anche:

pace

84.000 hits

guerra

406.000 hits

In tutto ciò vi è un profondo significato, che però al momento mi sfugge…